Intelligenza artificiale e composizione musicale

Coordinatore scientifico: Paolo Troncon (Conservatorio “A. Steffani” di Castelfranco)
 
Istituzioni coinvolte:
Conservatorio di Castelfranco Veneto
Conservatorio di Cesena
IRCAM di Parigi
 
L’evoluzione tecnologica in campo informatico degli ultimi anni e i prevedibili sviluppi che il nuovo decennio porterà (computer quantici, reti superveloci alla portata di tutti, ecc), cambierà probabilmente il modo di concepire la composizione musicale e anche la sua fruizione.
 
Applicazioni non solo in grado di interagire in maniera sempre più “intelligente” con il compositore e l’esecutore, ma anche in grado di gestire autonomamente i processi compositivi. Gli sviluppi di questa situazione saranno cogenti anche in campo didattico, per la formazione delle generazioni future di compositori.
 
Il gruppo di lavoro si propone di analizzare quel che si è fatto finora nel campo a livello internazionale, e le opportunità che lo sviluppo di queste pratiche potranno fornire alla composizione e alla fruizione di opere musicali.
Il gruppo si avvale di studiosi esperti in vari ambiti, compositivo, esecutivo, musicologico, informatico, epistemologico, e si avvarrà della collaborazione di importanti istituzioni: Conservatorio di Castelfranco Veneto, Conservatorio di Cesena, IRCAM di Parigi.
 
Al termine del lavoro si prevede una relazione da presentare in convegni specialistici, in ambito accademico universitario e conservatoriale, nonché in un eventuale convengo in Fondazione Levi. In base allo sviluppo del lavoro si valuteranno altre possibili applicazioni dei risultati acquisiti.