Quadri

Le quattro grandi tele del pittore francese Jean Raoux (1677-1734) che decorano il salone centrale del Palazzo rappresentano: Il Parnaso, il giudizio di Paride, lo sbarco di Cleopatra, Bacco e Arianna.

L’artista fu invitato a Venezia dal proprietario del palazzo, il patrizio Giustinian Lolin, che ve lo trattenne per due anni.

L’attestazione sia del soggiorno a Venezia sia sui dipinti si trova già nella vita dell’artista scritta da Antoine Joseph D’Argenville nel 1762, oggetto di studio e riesame in saggi critici dello studioso veneziano Nicola Ivanoff, che ha il merito di aver riconosciuto l’attribuzione poi confermata dalla firma e dalla data rinvenute in occasione del restauro delle tele.

Tra le tele pittoriche rimaste a Palazzo Giustinian Lolin dopo l’asta avvenuta nel 1974, si segnalano tre quadri: un ritratto di giovane attribuito al pittore veneziano Giacomo Favretto (1849-1887), il ritratto di Angelo Levi dello stesso Favretto ed un paesaggio lagunare ascritto all’istriano Pietro Fragiacomo (1856-1922).